Home: Articoli: News

Luca Carboni: Musiche ribelli (tracklist)

Articolo di: Redazione; pubblicato il 15/01/2009 alle ore 18.46.24.

carboni-musiche-cover.jpg

Luca Carboni rilegge i grandi cantautori anni '70. Il nuovo album co-prodotto con Riccardo Sinigallia esce il 16 gennaio 2009. Lolli, De Gregori, Bennato, Bertoli, Jannacci, Finardi, Battiato, Dalla, Guccini, sono i cantautori che Carboni rivisita attraverso canzoni che hanno piu' di trent'anni riuscendo quasi a farne degli inediti.

Luca Carboni - Musiche ribelli - cd cover

Un omaggio e un ringraziamento ai grandi cantautori degli anni '70 che hanno insegnato e comunicato la forza e la potenza delle parole nella canzone: è Musiche ribelli, il nuovo album di Luca Carboni in uscita il 16 gennaio 2009 su etichetta RCA/Sony Music.

Il progetto di Carboni incontra musiche e tematiche della generazione cantautorale che l'ha preceduto e che l'artista bolognese ha voluto rileggere, rielaborando completamente dal punto di vista musicale, quasi a farne degli inediti, brani che hanno più di trent'anni ma che hanno mantenuto intatta la propria attualità.

E' il caso di Ho visto anche degli zingari felici di Claudio Lolli, primo singolo approdato nelle radio e brano di apertura dell'album. La canzone del 1976 è cantata in duetto con Riccardo Sinigallia che Carboni ha voluto accanto a sé per la produzione di questo disco. E' del 1978 Raggio di sole di Francesco De Gregori, dolcissimo brano di benvenuto per lo 'sconosciuto' che sta per entrare nella nostra vita. Una riflessione sull'essere soggetti ed oggetti del mercato è invece Venderò di Edoardo Bennato, brano del 1976.

Dell'anno successivo, il 1977, è Eppure soffia brano di Pierangelo Bertoli il cui argomento centrale è la questione ambientale, più che mai attuale. Così come Vincenzina e la fabbrica, canzone di Enzo Jannacci del 1975 che racconta il mondo del lavoro anni '70 con gli occhi di una donna del sud che arriva nel nord industrializzato in cerca di lavoro.

Del 1976 è Musica ribelle di Eugenio Finardi, una "canzone sulla forza della canzone" da cui prende il titolo l'album. E' di Francesco De Gregori anche il brano più "datato" dell'album, La casa di Hilde del 1973 che racchiude in un testo romanzesco una storia di contrabbandieri.

La più recente invece è Up patriots to arm di Franco Battiato del 1980, brano 'ponte' tra la canzone d'autore degli anni '70 e la musica degli anni '80. Chiudono la tracklist Quale allegria di Lucio Dalla del 1977 in cui il personale e il sociale si fondono assieme e L'avvelenata, l'invettiva di Francesco Guccini del 1976 in cui forte è l'ironia e che chiude l'album con la frase: "...ho ancora tante cose da raccontare per chi vuole ascoltare e a culo tutto il resto".

Ecco cosa dice Luca Carboni del nuovo album: "Generalmente non amo cantare e impossessarmi di canzoni di altri, perché mi piace molto anche il ruolo, apparentemente più passivo, dell'ascoltare (ascoltare è un'arte). E in questo album ci sono appunto canzoni e autori che ho avuto la fortuna di 'ascoltare' da ragazzino, grazie al giradischi e al 'mangianastro' dei miei fratelli più grandi. Canzoni che mi hanno colpito profondamente e che, molto probabilmente, hanno anche contribuito ad accendere dentro di me il desiderio di raccontare a mia volta, di scrivere canzoni. Questo album quindi, da un lato, è un omaggio e un ringraziamento ai grandi cantautori della generazione che mi ha preceduto, che mi hanno insegnato e comunicato la forza e la potenza delle parole nella canzone, dall'altro, la sorpresa di scoprire quanto sono attuali certe canzoni che hanno più di trent'anni."

A proposito della collaborazione con Riccardo Sinigallia Luca Carboni aggiunge: "Sentivo l'esigenza di non essere solo in questo percorso. Ho pensato subito a Riccardo Sinigallia perché oltre ad avere un'esperienza importante come produttore, ritengo sia il più interessante cantautore della nuova generazione. Pensavo fosse giusto produrre questo lavoro con un musicista che avesse sensibilità e conoscenza non solo musicale, ma soprattutto la cultura della canzone d'autore."

Tracklist:
  1. Ho visto anche degli zingari felici - Claudio Lolli (Testo e musica: Claudio Lolli - da "Ho visto anche degli zingari felici" 1976)
  2. Raggio di sole - Francesco De Gregori (Testo e musica: Francesco De Gregori - da "De Gregori" 1978)
  3. Venderò - Edoardo Bennato (Testo: Eugenio Bennato - Musica: Edoardo Bennato - da "La Torre di Babele" 1976)
  4. Eppure soffia - Pierangelo Bertoli (Testo e musica: Pierangelo Bertoli - da "Eppure soffia" 1977)
  5. Vincenzina e la fabbrica - Enzo Jannacci (Testo e musica: Enzo Jannacci - da "Quelli che" 1975)
  6. Musica Ribelle - Eugenio Finardi (Testo e musica Eugenio Finardi - da "Sugo" 1976)
  7. La casa di Hilde - Francesco De Gregori (Testo: Edoardo De Angelis - Francesco De Gregori - Musica: Francesco De Gregori - da "Alice non lo sa" 1973)
  8. Up patriots to arm - Franco Battiato (Testo: Franco Battiato musica: FrancoBattiato - Giusto Pio - da "Patriots" 1980)
  9. Quale allegria - Lucio Dalla (Testo e musica: Lucio Dalla - da "Com'è profondo il mare" 1977)
  10. L'avvelenata - Francesco Guccini (Testo e musica: Francesco Guccini - da "Via Paolo Fabbri 43" 1976)

Video: Ho visto anche degli zingari felici

Leggi anche:

Link: Luca Carboni sito ufficiale.